Gli svantaggi delle lattine di alluminio

Panoramica

A meno che non si passa ad una dieta puramente organica, gran parte del cibo che si mangia probabilmente è confezionato in lattine di alluminio. L’alluminio, il minerale più abbondante del mondo, offre ai produttori un materiale di imballaggio ideale in quanto mantiene cibo per molto tempo. Anche se le lattine di alluminio sono riciclabili, hanno ancora svantaggi ambientali e possono rappresentare un rischio per la salute per il pubblico.

BPA tossico

Bisfenolo A, comunemente indicato come “BPA”, è un composto tossico trovato all’interno di alcune materie plastiche. L’alluminio può produrre l’interno delle lattine con un rivestimento sottile di plastica per impedire che l’alluminio penetri nel cibo. Purtroppo, un effetto collaterale di includere una fodera di plastica in lattine di alluminio è che i consumatori possono essere esposti a livelli tossici di BPA. Secondo il gruppo di lavoro ambientale, l’esposizione del BPA negli animali di laboratorio ha causato il cancro, l’infertilità, gli aborti spontanei, la malattia ovarica policistica e la resistenza all’insulina – le malattie che l’ipotesi dell’organizzazione potrebbero verificarsi anche nelle persone.

Potenziale per lesioni

Dopo che una persona apre un contenitore in alluminio, l’interno pone una lesione a causa dei suoi bordi taglienti – un rischio non trovato in altri tipi di materiale da imballaggio alimentare. Il “British Medical Journal” rileva che le lesioni che si verificano dall’apertura di lattine di alluminio possono causare la necessità di cuciture, additivi sterili e antibiotici. Questo rischio riguarda i bambini, così come gli adulti.

Inquinamento

Anche se le lattine di alluminio sono riciclabili, il Container Recycling Institute rileva che circa la metà di tutte le lattine di alluminio finiscono in inceneritori o discariche – con conseguente necessità di ulteriori lattine in materiali nuovi. La fusione di alluminio provoca l’anidride solforosa e il biossido di azoto, che può causare sia la pioggia smogata che l’acidità. I ​​produttori di alluminio possono rimuovere il minerale di bauxite per ottenere l’allumina sufficiente per produrre le lattine. La creazione di 1 tonnellata di lattine di alluminio lascia dietro 5 tonnellate di materiale di scarto liquido che può inquinare il suolo e le acque sotterranee.

Questioni di conservazione ambientale

Un terzo di tutti gli impianti di produzione di alluminio usa carbone quando producono lattine di alluminio. Un altro 10 percento si basa su altri combustibili fossili, come l’olio e il gas naturale. I combustibili fossili, anche se una fonte di energia comune nell’industria manifatturiera, sono limitati. Il carbone, il petrolio e il gas naturale formano la materia organica decadente sotto la superficie terrestre per milioni di anni. Una volta che la terra esaurisce la sua fornitura di combustibili fossili, la creazione di più non è un’opzione.

Le lattine in alluminio possono conservare il cibo per lunghi periodi, ma senza un apriscatole, aprendo alcune lattine di alluminio presenta una sfida. Durante l’apertura di un contenitore in alluminio con un coltello è possibile pregiudicare il rischio di lesioni. Altri materiali di imballaggio alimentari, come il cartone e la plastica, si aprono facilmente – impedendo di dover fare un viaggio improvvisato al negozio se il tuo apribottigliatore si rompesse durante la preparazione di un pasto.

Accessibilità