Gli effetti di fertilizzanti e pesticidi

Panoramica

I fertilizzanti e i pesticidi hanno entrambi pro e contro concreti associati al loro utilizzo. Entrambi i tipi di sostanze chimiche tendono ad aumentare i rendimenti, e quindi comportano una significativa differenza nella produzione di cibo, in particolare nei paesi che lottano periodicamente con le carestie. D’altra parte, entrambi possono causare inquinamento dell’acqua quando l’erosione porta i prodotti chimici fuori delle aziende agricole insieme a terreni erosi dopo ogni pioggia. C’è anche preoccupazione da parte di alcune autorità che i pesticidi rappresentano un rischio, non solo per non specificare specie animali e vegetali, ma anche per gli esseri umani.

Effetti positivi dei fertilizzanti

Non c’è dubbio che i fertilizzanti aumentino i rendimenti delle colture in tutto il mondo. L’uso di concimi moderni è esploso dopo la seconda guerra mondiale. Nuovi fertilizzanti a base di ammoniaca hanno anche alimentato il processo di specializzazione che si è verificato nell’agricoltura. Gli agricoltori hanno ruotato meno i raccolti, che hanno portato più rapidamente all’esaurimento del suolo. Norman Borlaug, padre della Rivoluzione Verde degli anni ’60, che ha esteso la produzione alimentare e ha aiutato a staccare la fame nel mondo, ha sostenuto che l’agricoltura moderna, compresa l’uso di fertilizzanti e erbicidi, potrebbe “duplicare o triplicare la produzione alimentare” in Africa. Anche le rendite aumentate riducono la necessità di trasformare le terre selvagge nell’agricoltura contribuendo alla conservazione della biodiversità.

Effetti negativi dei pesticidi

Il lato negativo dei fertilizzanti è che una parte parte inevitabilmente si lava in vie d’acqua insieme a sedimenti erosi. Questo scoppio di origine non puntiforme avviene a livello nazionale, e il concime azotato trova la sua strada nei fiumi, nei laghi e nell’oceano dove provoca eutrofizzazione e “zone morte” che uccide la vita acquatica. L’eutrofizzazione è un processo in cui l’azoto alimenta una fioritura di alghe, ma quando le alghe di breve durata muoiono, i batteri decompianti consumano la maggior parte dell’ossigeno disponibile, soffocando la vita acquatica. Inoltre, l’uso di fertilizzanti artificiali al posto di letame animale o “verde” – coprire le colture aratte nel terreno – possono eventualmente eliminare i terreni di materia organica, rendendo loro perdere la loro capacità di tenere l’acqua e più soggetti all’erosione.

Effetti positivi dei pesticidi

Secondo l’Istituto Nazionale di Scienze della Salute Ambientale, il termine pesticidi comprende prodotti chimici usati per controllare insetti, funghi e erbacce. I pesticidi servono molte funzioni, alcune delle quali sono più essenziali della società rispetto agli altri. I pesticidi possono impedire l’insuccesso delle colture, controllare le piante invasive o promuovere un prato uniforme verde. Alcuni pesticidi riducono le macchie di frutta e verdura, garantendo che una maggiore percentuale della coltura sia vendibile.

Effetti negativi dei pesticidi

Secondo l’Istituto Nazionale di Scienze della Salute Ambientale, i pesticidi hanno ancora incompiuto gli effetti sull’uomo. La maggior parte delle persone è esposta a un certo livello di pesticidi. Gli agricoltori che sperimentano l’esposizione routinaria ai pesticidi hanno manifestato sintomi neurologici come il mal di testa e il tremito delle mani. I bambini, in particolare, possono essere più sensibili agli effetti negativi derivanti dall’esposizione ai pesticidi. Il deflusso dei pesticidi può avere effetti devastanti anche sugli organismi nontarget. Ad esempio, un roundup, un erbicida estremamente comune utilizzato nell’agricoltura, è altamente tossico per i pesci e gli anfibi. La Coalizione nazionale per i prati senza pesticidi dice: “Di 30 pesticidi di prato comunemente usati, 19 sono legati al cancro o alla carcinogenicità, 13 sono legati a difetti di nascita, 21 con effetti riproduttivi, 26 con danno al fegato o al rene, 15 con neurotossicità e 11 con disfunzione del sistema endocrino “.